Spiegazione delle classi IP

Capire dove utilizzare luci con classificazione IP, sia in ambienti interni che esterni.

Spiegazione delle classi IP
Le luci sono classificate con un indice IP (Ingress Protection) universale in modo da poter determinare se sono sicure da utilizzare in presenza di sporco e acqua.

Ma come si sa cosa significa ciascuna classificazione?

In breve, troverai due numeri che seguono la parte 'IP'.

Il primo numero si riferisce a sporco, polvere e altri oggetti solidi. Nelle aree interne, compresi i bagni, viene comunemente sostituito da una 'X'.

Il secondo numero si riferisce all'acqua.

Più questi numeri sono alti, migliore è il livello di protezione contro ciascun elemento.

La maggior parte delle luci all'interno della tua casa avrà una classificazione IP20. Si tratta di un livello di protezione di base che va bene per camere da letto, soggiorni, corridoi e così via.

Puoi anche utilizzare luci con questa classificazione sopra un lavello della cucina o della lavanderia, a condizione che siano installate a più di 60 cm dal rubinetto.

Ma quando cerchi luci per il bagno e per gli spazi esterni, la classificazione IP deve essere più alta e deve essere considerata con maggiore attenzione.
In bagno 
Avere la giusta classificazione IP è essenziale per alcune aree del tuo bagno.

I bagni sono divisi in zone, e le normative di cablaggio dell'IEE (Istituto degli Ingegneri Elettrici) stabiliscono quali tipi di illuminazione possono essere utilizzati in sicurezza in ognuna di esse.

Zone 0 La zona 0 è l'area all'interno di una vasca o di un piatto doccia. Le luci in questa zona devono avere una classificazione IP67 e non superare i 12 volt.

Zone 1 La zona 1 si estende direttamente sopra la vasca fino a un'altezza di 225 cm misurata dal pavimento. Include anche l'interno di una cabina doccia (escludendo il vassoio). Queste luci devono avere una classificazione IP65 o superiore.

Zone 2 La zona 2 si trova all'interno di un perimetro di 60 cm dalla vasca o dalla doccia (e fino a un'altezza di 225 cm dal pavimento). Comprende anche la zona intorno al lavandino, ma specificamente entro un raggio di 60 cm dal rubinetto. Le luci in questa zona devono avere una classificazione IP44 o superiore.

Zone 3 La zona 3 è ovunque al di fuori delle zone 0, 1 e 2. Queste aree sono conosciute anche come 'zone esterne'. Qui non è necessario preoccuparsi della classificazione IP.
Nel giardino 
Come minimo, tutte le luci da esterno dovrebbero avere una classificazione IP23.

Le luci classificate IP23/33 offriranno una protezione sufficiente dalla pioggia o dagli schizzi d'acqua, ma non sono completamente a tenuta di schizzi.

Se le tue luci hanno un'apertura nella parte inferiore (per consentire di cambiare la lampadina), tienile lontane da irrigatori, tubi flessibili o altre aree che potrebbero essere esposte a spruzzi d'acqua verso l'alto.

Le luci classificate IP44 sono completamente a tenuta di schizzi e offrono protezione dalla pioggia o dagli schizzi d'acqua provenienti da qualsiasi direzione.
I nostri stili adatti 
Le nostre applique fisse Richmond e Claremont, sia piccole che medie, sono certificate IP44, quindi potete utilizzarle tranquillamente nella zona 2 del vostro bagno e in qualsiasi area esterna.

A differenza del nostro stile con vetro scanalato, non è possibile utilizzare la versione media di Claremont con paralumi in fine porcellana all'esterno poiché abbiamo lasciato i paralumi aperti, anziché sigillarli, per creare una luce più gradevole.

Potete anche utilizzare la nostra applique Malvern nella zona 2 del vostro bagno (anche le dimensioni piccole e medie sono certificate IP44), ma a causa del paralume in lino, non è adatta per l'uso esterno.

I nostri faretti da giardino Ealing, invece, hanno una classificazione IP56. Scegliate uno stile montato in superficie o variazioni a terra o percorso, sono tutti progettati specificamente per l'uso all'aperto.

Pronto a esplorare la nostra collezione completa di illuminazione? Scopri i nostri design qui.